Raoul Pal prevede che il divieto degli Stati Uniti di Bitcoin sarebbe inutile

Il popolare sostenitore di Bitcoin e stratega degli investimenti Raoul Pal ha affermato con sicurezza che un divieto governativo su Bitcoin sarebbe uno sforzo inutile.

Il sostenitore di Bitcoin Revolution ha detto questo in risposta ai crescenti rapporti dei media in cui Ray Dalio, un miliardario americano, ha detto che il governo avrebbe messo fuori legge Bitcoin a causa di diversi motivi, in particolare un aumento del prezzo delle criptovalute.

Il governo degli Stati Uniti metterebbe fuori legge Bitcoin – Ray Dalio

La leggenda degli hedge fund, Ray Dalio, all’inizio di questa settimana in un’intervista con yahoo finance ha suggerito che un aumento del prezzo del Bitcoin costringerebbe il governo ad agire.

Il miliardario ha una visione opposta come investimento, affermando che le autorità avrebbero represso l’asset digitale quando vedono una crescita materiale.

Dalio ha fatto questa dichiarazione in mezzo alla continua adozione di Bitcoin tra i pesi massimi di Wall Street che lo vedono come un bene rifugio.

Un altro problema di Bitcoin che ha affermato Dalio è stato il fatto che il re delle criptovalute insieme ad altre criptovalute sono molto volatili e non possono essere utilizzati come riserva di ricchezza.

Ha anche sottolineato che l’asset digitale non può essere speso in beni di uso quotidiano dicendo che „oggi non posso ancora prendere il mio Bitcoin e comprare cose facilmente con esso“. Crede che i CBDC sostituirebbero le criptovalute.

Il sostenitore di Bitcoin dice che crede che un tentativo di vietare Bitcoin sarebbe inutile

Raoul Pal ha fatto riferimento al 1933, quando l’ex presidente americano Franklin Delano Roosevelt (FDR) proibì l’accaparramento di monete d’oro, lingotti d’oro e certificati d’oro. Gli americani hanno trovato altri mezzi per ottenere l’oro contro la volontà del presidente. Raoul Pal prevede un evento simile se viene posto un divieto su Bitcoin.

Lo stratega degli investimenti ha affermato che il governo avrebbe difficoltà a vietarlo e alla fine ha detto che potrebbero dover mettere da parte le risorse digitali come parte delle riserve governative perché le valute legali continuano a subire la svalutazione.