Bitcoin registra una striscia vincente, muovendosi in direzione opposta alle azioni

Bitcoin ha fatto un inizio di settimana positivo, ma non è riuscito a durare come 11.000 dollari non si è concretizzato.

Lo slancio del Bitcoin e delle grandi capsule sembra svanire, con il mese di settembre che punta a chiudere il mese con oltre il -8% di perdite.

Perdendo rapidamente la fiducia nel $BTC. appena in grado di pompare quando l’indice del dollaro si consolida, ma veloce a scaricare quando in realtà mostra alcuni segni di forza.

– CryptoYoda (@CryptoYoda1338) 29 settembre 2020

Il mercato sembra essere in difficoltà per un mese, dato che sia la Bitcoin che l’Ethereum sono soggetti alla crescente incertezza sulle prossime elezioni negli Stati Uniti.

„Il flusso di leva e il flusso di trading di base probabilmente lo troveranno piuttosto difficile in quanto è improbabile che si verifichi un’eccessiva estensione e invece saranno i trader della volatilità a beneficiare maggiormente nei prossimi mesi“, e le valute digitali potrebbero lottare con la direzione, ha detto Dennis Vinokourov di Bequant.

Le azioni statunitensi nel frattempo sono saltate dopo quattro settimane di ribasso, mentre il dollaro si è indebolito. Il disaccoppiamento di Bitcoin dalle attività tradizionali, un calo di 300 dollari in una notte, „potrebbe aver intrappolato i trader in posizioni lunghe“, ha osservato OKEx.

Le banche sono in testa all’indice S&P 500 dopo che il livello è sceso al minimo dal luglio della scorsa settimana. I segnali dei politici statunitensi che si muovono verso nuovi stimoli fiscali mentre la Fed continua a fornire liquidità ha lavorato a favore delle azioni.

„La Fed sta rendendo quasi impossibile diventare troppo ribassista“, ha detto John Porter, responsabile delle azioni della Mellon Investments. „Il mercato si sta abituando alla consapevolezza che COVID sarà con noi per un po‘ di tempo“.

Posizionamento sul mercato

Alla luce del boom in atto nell’ecosistema DeFi, si prevede che le monete a cappuccio medio e piccolo si disaccoppieranno da quelle a cappuccio grande. Ma non tutti i gettoni sono uguali, e il mercato è diventato sofisticato nella scelta dei vincitori.

„La mania del rendimento/allevamento è qualcosa che ci si aspetta continui ad attrarre denaro caldo, e come per qualsiasi altro denaro caldo, c’è sempre il rischio di un ritiro aggressivo, come evidenziato durante il dramma di Sushiswap all’inizio del mese“, ha detto Vinokourov.

Mentre la visione rialzista su DeFi non ha ancora vacillato, il prezzo bitcoin ha stabilito il record di chiusura giornaliera sopra i 10.000 dollari per 65 giorni consecutivi.

Con questo, il precedente record stabilito durante le ultime fasi dell’encierro nel dicembre 2017-giugno 2018 è stato ora superato. L’ultima volta, questo periodo di vincita ha portato a un massimo storico di 20.000 dollari in due settimane, ma questa volta BTC ha tenuto tranquillamente in mano la situazione.

Nel frattempo, nel mercato dei futures, il volume totale rimane basso a meno di 10 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 28 miliardi di dollari di questo mese, mentre l’interesse aperto rimane sotto i 4 miliardi di dollari dalla settimana che inizia il 21 settembre.

Secondo gli ultimi dati di CME, a partire dal 22 settembre i fondi con leva finanziaria hanno avuto le loro posizioni long in calo del 19%, mentre le posizioni short sono scese del 14,2%. Anche le posizioni long di altri conti correnti sono diminuite, ma solo del 4,4%, mentre le posizioni short sono diminuite del 25,4%, il che è probabile che sia dovuto alle attività di presa di profitto.

Ciò significa che, nell’ultimo periodo di riferimento, una brusca correzione dei prezzi „ha innescato azioni di controllo del rischio da parte degli investitori istituzionali, e un gran numero di posizioni lunghe sono state chiuse“.